L’ATTIVAZIONE PSICOFISIOLOGICA INFLUISCE SULLE TUE PRESTAZIONI LAVORATIVE O SCOLASTICHE…LO SPORT PUO’ AIUTARTI A RIDURRE ANSIA E STRESS

pazzoL’ansia è un fattore che incide molto nelle nostre prestazioni, siano esse lavorative, scolastiche oppure sportive e non sempre è da considerarsi uno stato d’animo negativo L’ ansia vissuta in modo “sano” agisce come forte motivatore che ci prepara allo svolgimento dei nostri “compiti giornalieri”. Ma cos’è l’ansia? È un concetto legato a quello di “attivazione psicofisiologica” dell’organismo (detta anche “arousal”). Si tratta di meccanismi che il corpo mette in atto per reagire a degli stimoli.well Nelle situazioni di “allarme” il nostro organismo registra dei cambiamenti a livello fisico, quali ad esempio dilatazione della pupilla, aumento del battito cardiaco e della sudorazione. Queste modificazioni corporee non sono negative di per sé, ma discendono da processi evolutivi e sono necessarie per reagire prontamente a situazioni di pericolo. Esse avvengono in modo spontaneo e hanno permesso la sopravvivenza degli essere umani, permettendo e preparando gli individui (ad esempio con l’accelerazione del battito cardiaco) alla “fuga” da circostanze pericolose.

Ci sono diversi “livelli” di attivazione che possono essere vissuti in modo piacevole o spiacevole, in base alla personalità e alla motivazione del soggetto. Ad alti livelli di arousal corrispondo sia l’ansia vera e propria (negativa), che l’eccitazione (condizione positiva). Al contrario bassi livelli di attivazione causano situazioni piacevoli di rilassamento, oppure come sensazioni spiacevoli di noia. Come dicevamo, il fatto che l’attivazione sia vissuta in modo gradevole o meno dipende prettamente dall’interpretazione soggettiva che l’individuo ne fa.

Parecchi ricercatori hanno messo in correlazione l’attivazione psicofisiologica con il livello della prestazione. Yerkes e Dodson (1908) hanno ipotizzato che questo legame possa essere rappresentato come una curva ad “u” rovesciata. ArousalIn pratica con bassi livelli di arousal otteniamo prestazione piuttosto “scadenti” (accade ad esempio quando siamo annoiati e poco motivati o quando siamo troppo sicuri di noi stessi), ma anche quando i livelli di attivazione sono troppo elevati le nostre prestazioni si abbassano! Quando l’arousal inizia a salire troppo allora lo stress “sano” si trasforma in ansia vera e propria che può farci incorrere in errori di valutazione e compiere decisioni sbagliate.

Esiste dunque un livello di attivazione “ottimale” che massimizza la nostra prestazione, ma come raggiungerlo?

Lo sport (assieme alla respirazione) è sicuramente un fattore importantissimo per regolare i nostri livelli di attivazione psicofisiologica. Molto spesso si sottovalutano, infatti, i benefici dell’esercizio fisico a livello psico-fisico, associandolo per lo più a questioni di dimagrimento e bellezza. Lo sport è invece molto utile per la nostra salute mentale, per ridurre stress e tensioni quotidiane, e per raggiungere valori di arousal adeguati.

In generale lo sport aiuta a canalizzare l’ansia negativa e la rabbia, inoltre accelera il metabolismo, migliorandone le funzioni e ci libera dalle tossine. Quando si svolge attività fisica vengono prodotte le endorfine: una classe di sostanze che mediatori chimici dall’effetto analgesico, euforizzante, immunostimolante, anti-aggressivo e soprattutto anti-ansia.

L’ideale, per ridurre l’attivazione psico-fisiologica quando si trasforma in ansia negativa, è praticare tecniche di rilassamento muscolare, quindi yoga, stretching e pilates. Questi sono corsi che prevedono anche tecniche di respirazione, importantissima (come dicevamo) per regolare i valori dell’attivazione.

Altri corsi come la boxe aiutano a ritrovare la fiducia in se stessi (molto spesso l’ansia ha origine da problemi di boxxautostima!). Infatti, questi tipi di sport mettono alla prova i nostri limiti, (soprattutto mentali) facendoci acquisire sicurezza e cambiando la nostra prospettiva di vedere le cose. Ostacoli che appaiono insormontabili possono diventare invece raggiungibili in quanto riusciamo a dare alle difficoltà il giusto peso.

Anche corsi divertenti e a tempo di musica (come la zumba) possono aiutare a riattivare l’organismo e a ritrovare il giusto umore per affrontare i nostri compiti.zumba

Quindi, non pensare di non avere tempo per andare in palestra o da dedicare all’attività fisica! Devi studiare per l’esame oppure prepararti per la tua conferenza o presentazione di un progetto? Ricorda che lo sport non è tempo sprecato, anzi migliorerà la tua prestazione, in qualsiasi campo e la tua soddisfazione sarà triplicata!

 

 

FONTI:

http://www.dfpp.univr.it/documenti/OccorrenzaIns/matdid/matdid843636.pdf

http://www.psicologi-italia.it/psicologia/ansia/1231/benefici-dello-sport.html

http://www.benessere.com/psicologia/arg00/psicologia_sport_mental_training_02.htm

http://lifeandfitness.altervista.org/alterpages/files/psicologia_02_3_Arousal_performance.pdf

http://www.salute-e-benessere.org/salute/ecco-perche-lansia-ci-fa-sbagliare/

http://www.ok-salute.it/psiche-e-cervello/ansia-cattiva-consigliera-ecco-perche-ci-fa-prendere-le-decisioni-sbagliate/

https://www.google.it/webhp?sourceid=chrome-instant&ion=1&espv=2&ie=UTF-8#q=sinonimo%20di%20prestazione

http://www.ceciliatrevisani.it/ansia-sintomi-cause/

http://www.psicologopadova-robertogava.it/psicologia-dello-sport-relazione-arousal-prestazione-sportiva.htm

http://comefare.donnamoderna.com/come-combattere-l-ansia-da-prestazione-10186.html

http://www.sportforma.it/Benefici